Lazio-Siviglia, Borghi: "Spagnoli favoriti, ma la Lazio non parte battuta. Tra Immobile e Ben Yedder…"

di Alessandro Vittori
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
articolo letto 6902 volte
Foto

Lazio - Siviglia è ormai alle porte e per un approfondimento sulla squadra spagnola è intervenuto ai microfoni di radio Incontro Olympia Stefano Borghi di DAZN: “Rispetto al passato nel Siviglia è cambiata la dinamica del club. Dei giocatori in rosa molto del merito è di Monchi, ha preso e rivenduto tanti giocatori facendo incassare oltre che vincere parecchio. Il Siviglia di oggi è diverso e nelle ultime partite ha accusato qualche difficoltà però non è così distante il quarto di andata di Coppa del Re in cui ha battuto il Barcellona”.

VALORE DEL SIVIGLIA - “Ha un ottimo allenatore, sottovalutato ma che a me piace tantissimo: è umile, viene dal basso, con idee molto chiare e belle da applicare. Il livello qualitativo della rosa è alto, con i vari Vazquez, Banega, Sanabria, Rog e Meza che sono riserve, davanti ci sono André Silva e Ben Yedder ed è stato preso pure Munir. È una squadra che si esalta in contropiede, ha grande verticalità, sa pressare alto, quindi il sorteggio per la Lazio è stato molto duro”.

AMBIENTE - “In questo momento i biancocelesti hanno degli infortunati e una condizione fisica non brillantissima. Sarà difficilissimo passare il turno. Inoltre i Rojiblancos hanno un pubblico trascinante, uno stadio bellissimo e spero che i tifosi della Lazio che andranno a Siviglia potranno godersi l’ambiente. Il momento prima del fischio d’inizio in cui tutto il pubblico canta l’inno, secondo me il più bello d’Europa dopo ‘You’ll never walk alone’ del Liverpool, è un momento di grande emozione”.

SQUADRA FAVORITA - “Parte favorito il Siviglia per la sua storia recente in Europa League e per i valori globali. Però bisognerà vedere come si svilupperà la partita d’andata e che tipo di dettaglia verranno fuori. La Lazio quest’anno può pensare di non partire battuta contro nessuno, però per passare deve giocare due grandissime partite”.

IMMOBILE O BEN YEDDER - “Immobile è perfetto per il campionato italiano. Ha una grande capacità di aiutare la squadra, di buttarsi negli spazi, di proporsi e di adattarsi con qualsiasi tipo di partner offensivo. Ben Yedder invece è un cecchino che ha segnato sia in Francia che in Spagna. Sa impattare anche impattare sulla partita. La coppia con André Silva è stata ben costruita e i messaggi che sta mandando il portoghese sono quelli di un calciatore che avrebbe meritato più considerazione in Italia”.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy