Foggia: "Per me la Lazio era un punto d'arrivo, che emozione giocare all'Olimpico..."

di Leonardo Giovannetti
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
articolo letto 3784 volte
Foto

Il 31 agosto del 2006, Pasquale Foggia è approdato a Roma. Con la Lazio ha collezionato, in tutto, 69 presenze e 4 gol. Ai microfoni di Gianlucadimarzio.com, l’ex biancoceleste ha raccontato alcuni scorci importanti della sua vita e carriera calcistica: “Ero un bambino che ha sempre pensato solo al calcio, nel mio quartiere c’era poco. Ricordo che mi chiamavano tutti, mi bussavano sotto casa, litigavano per avermi in squadra. Mi regalavano la Coca Cola, le patatine: quella era la mia vita. Per me Soccavo era il posto dove coltivare il nostro sogno, mio e di mia madre. A 7 anni gli ho fatto una promessa: non preoccuparti, giocherò in Serie A e cambierà tutto”.

LAZIO – Vivere Roma e giocare all’Olimpico è stato spettacolare. Mi accordai con Lotito ad ottobre per il rinnovo e lo firmai a giugno. Avrei potuto prendere un’altra strada, vincere qualcosa di importante, ma non mi sono sentito di tradire la fiducia della gente. Andando via avrei fatto un torto alla mia coscienza. Lotito un giorno mi prese in disparte e mi disse che sapeva tutto, da lì il nostro rapporto è cambiato. Per me la Lazio era un punto d’arrivo. Spesso quando ero a casa pensavo a quella promessa fatta a mia madre. Quella frase ha segnato la mia vita”.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy