UFFICIALE - La Figc squalifica Lulic per 20 giorni. L'avv. Gentile a LLSN: "Sanzione concordata tra le parti"

di Benedetta Orefice
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
articolo letto 28329 volte
Foto

AGGIORNAMENTO ORE 18.10 - In merito al verdetto dell Figc circa le dichiarazioni di Lulic, per cui è stata sancita una squalifica di 20 giorni, la redazione de Lalaziosiamonoi.it ha intercettato l'avvocato biancoceleste Gian Michele Gentile: "È stato fatto un patteggiamento, quindi l’abbiamo concordato con la procura. È una sanzione concordata tra le parti, per cui piuttosto che andare al deferimento e fare il processo abbiamo preferito chiuderla in questo modo. La sanzione è di 20 giorni a partire da oggi, per cui (in chiave campionato, ndr) salterà soltanto la gara contro il Crotone. Per quanto riguarda la Lazio invece c’è stata un’archiviazione, perché la società ha immediatamente preso le distanze da queste dichiarazioni, chiedendo scusa e quindi ha ottenuto l’esimente dell’intervento immediato”.

Venti giorni di squalifica e un’ammenda di 10mila euro. E’ questa la decisione della Figc in merito alle dichiarazioni rilasciate da Senad Lulic al termine del derby di Roma nei confronti di Rudiger. Il calciatore bosniaco, dunque, non potrà prender parte alla prima gara del 2017, in programma l'8 gennaio allo Stadio Olimpico contro il Crotone. Questo il comunicato ufficiale: "- Vista la comunicazione della Procura Federale relativa al provvedimento di conclusione delle indagini di cui al procedimento n. 497 pf 16/17 adottato nei confronti del Sig. SENAD LULIC avente ad oggetto la seguente condotta: 

SENAD LULIC, tesserato per la società S.S. Lazio S.p.A., in violazione dell’art. 1bis, comma 1, ed art. 5, comma 1, del C.G.S., dei doveri di lealtà, correttezza e probità esprimendo pubblicamente, con le dichiarazioni rese nel corso di un intervista rilasciata ad un network televisivo nazionale – Mediaset Premium - nel dopo gara di Lazio-Roma del 04/12/2016 e riportate dai quotidiani nazionali, dichiarazioni lesive ed offensive nei confronti del calciatore Antonio Rudiger, tesserato con la società A.S. Roma, quali: “..Rudiger già parlava prima della partita, due anni fa era lì, a Stoccarda, vendeva calzini o cinture, adesso fa il fenomeno. Non è colpa sua, è colpa di quelli che stanno intorno a lui e che fanno crescere un ragazzo maleducato.”; 

- vista la richiesta di applicazione della sanzione ex art. 32 sexies del Codice di Giustizia Sportiva, formulata dal Sig. SENAD LULIC; 

- vista l’informazione trasmessa alla Procura Generale dello Sport;  

- vista la prestazione del consenso da parte della Procura Federale;  

- rilevato che il Presidente Federale non ha formulato osservazioni in ordine all’accordo raggiunto dalle parti relativo all’applicazione della sanzione di 20 (venti) giorni di squalifica ed € 10.000,00 (diecimila) di ammenda per il Sig. SENAD LULIC; 

si rende noto l’accordo come sopra menzionato.

Le ammende di cui al presente Comunicato Ufficiale dovranno essere versate alla Federazione Italiana Giuoco Calcio a mezzo bonifico bancario sul c/c B.N.L. IT 50 K 01005 03309 000000001083 nel termine perentorio di 30 giorni successivi alla data di pubblicazione, pena la risoluzione dell’accordo e la prosecuzione del procedimento ai sensi dell’art. 32 sexies del Codice di Giustizia Sportiva per i soggetti inadempienti".

Ti potrebbe interessare anche:

SIMEONE: "VI RACCONTO LA LAZIO DI ERIKSSON"

CLASSIFICA ANNO SOLARE 2016: LAZIO QUARTA


Altre notizie
Domenica 20 Agosto
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI