Tesoretto de Vrij: dalla sua cessione possibili quattro acquisti. In attacco occhi su Selke

di Lalaziosiamonoi Redazione
Fonte: Marco Ercole - Repubblica.it
articolo letto 23076 volte
Foto

Non è ancora finito il campionato, anche se la stagione della Lazio lo è virtualmente. In ballo solo i vari record che i ragazzi di Inzaghi vogliono centrare in queste ultime due partite tra Inter e Crotone, oltre al mantenimento del quarto posto in classifica. Ecco perché la società sta già lavorando da tempo per costruire l’immediato futuro, che vedrà la squadra biancoceleste di nuovo impegnata in Europa League e con una Supercoppa italiana da giocare contro la Juventus.

TRA RINNOVI E CALCIOMERCATO - L’attenzione è focalizzata sulle trattative per i rinnovi di Lucas Biglia e Keita, mentre per quanto riguarda de Vrij la società è più che altro impegnata nel riuscire a ottenere il massimo possibile dalla sua cessione (Valencia e Atletico Madrid al momento sono sempre in pole). Almeno 25-30 milioni, per un giocatore in scadenza a giugno 2018 sarebbero un’ottima cifra, con la quale strutturare poi il mercato in entrata. Questo dovrà portare almeno due centrocampisti, un vice-Immobile e un esterno d’attacco. A centrocampo l’obiettivo principale resta Klaassen dell’Ajax, sul quale c’è però la concorrenza di Napoli e Galatasaray. Sempre in quel ruolo, come alternativa, resta in ballo il discorso per Freuler dell’Atalanta, club con il quale sono state chieste informazioni pure per il “Papu” Gomez, seguito anche della Roma.

PER L’ATTACCO OBIETTIVO SELKE - Per quanto riguarda il ruolo di vice-Immobile, invece, l’obiettivo è portare un attaccante non troppo “ingombrante”, che possa sostituire il centravanti azzurro, ma senza intaccarne (almeno inizialmente) la leadership del reparto offensivo, anche perché pure questa responsabilità ha permesso a Ciro di essere protagonista in questa stagione. All’identikit corrisponde il profilo di Davie Selke, attaccante della sorpresa Lipsia, secondo in classifica in Germania, dietro solamente il Bayern Monaco di Ancelotti. È uno dei tanti giovani sul quale ha puntato la Red Bull, protagonista l’anno scorso della promozione in Bundesliga con 10 gol in 30 partite. Nella massima serie tedesca però, con l’acquisto di Timo Werner, è stato relegato più che altro a un ruolo di riserva, come testimoniano i 429 minuti complessivi, arricchiti comunque da 4 gol.

IL WERDER E IL PARAGONE CON KLOSE - Questo non significa che il 22enne tedesco abbia perso le sue qualità, quelle che nella stagione 2014/2015, a 20 anni, con la maglia del Werder Brema, gli permisero di stupire tutti alla sua prima stagione in Bundesliga: segnò 9 reti su 30 presenze e subito si scomodarono paragoni illustri con un certo Miro Klose, vecchia conoscenza sia del club di Brema che della Lazio. E chissà che non possa ripercorrere le sue orme anche con la maglia biancoceleste.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI