ESCLUSIVA - Boninsegna: "Lazio provaci, la Juve un’occasione per volare. Inzaghi la vittoria di Lotito”

di Lalaziosiamonoi Redazione
Fonte: Annalisa Cesaretti - Lalaziosiamonoi.it
articolo letto 3703 volte
Foto

I ragazzi di Inzaghi partono alla volta di Torino con la mente libera da preoccupazioni e pressioni. La concentrazione è tutta sul viaggio, non sulla meta. L’atmosfera dello Stadium è già carica di tensione e l’unico modo per esorcizzarla è prestare attenzione al gioco, dimenticandosi del risultato. Nessuna illusione, al bando gli scongiuri, Torino e il suo tabù sono un’occasione per dar prova di maturità. Serve solo scaltrezza. La stessa qualità che portò una leggenda del calcio italiano a confermarsi tale proprio nel capoluogo piemontese, con la maglia bianconera addosso. Stiamo parlando di Roberto Boninsegna, il mitico Bonimba. Anche per lui nel lontano 1976 Torino rappresentò un banco di prova e conscio solo delle sue capacità all’età di 32 anni riuscì ancora una volta a dimostrare di essere un vincente. La vera maturità arrivò infatti proprio con la Juve: due scudetti, una Coppa Italia e una Coppa Uefa. È lui che la redazione de Lalaziosiamonoi.it ha contattato in esclusiva per commentare il big match di sabato.

UN’OCCASIONE - “Vincere a Torino è difficile per tutti, certamente la speranza è che prima o poi si riesca a sfatare questo tabù. La Lazio deve provarci, sabato potrebbe essere una buona occasione. Sarà una prova di maturità per la squadra di Inzaghi, che negli ultimi due anni è migliorata tantissimo. L’allenatore biancoceleste ha degli assi nella manica che potrà sfruttare contro i ragazzi di Allegri. Primo fra tutti Immobile, che è un attaccante di grande spessore. È anche un titolare della nazionale e anche in quell’ambito ha dimostrato di poter fare molto bene, certo, non è da considerare la sua prestazione dell’ultima partita contro l’Albania, perché quando una squadra non gira il primo a risentirne è l’attaccante. Immobile è un giocatore che può cambiare il risultato in qualsiasi momento, non ci sono dubbi a riguardo. Non dobbiamo dimenticarci di altri giocatori importanti presenti nella rosa della Lazio, come per esempio Luis Alberto, assieme a Immobile sarà in grado di creare delle preoccupazioni alla Juventus”.

IL FUTURO DELLA LAZIO - La Lazio può aspirare a traguardi importanti. Anche in Europa ha dimostrato di farsi valere e sono sicuro che riuscirà a continuare su questa strada. Per quanto riguarda il campionato, forse la situazione è più complessa. La Juventus è a un livello superiore. Le sue rivali sono l’Inter, il Milan e lo stesso Napoli, ma credo che la sfida per il quarto posto dovrà giocarsela con la Roma. Penso proprio che sarà un derby a decidere se la Lazio potrà o meno arrivare tra le prime quattro in classifica. In ogni caso a questa squadra non posso che augurare di arrivare in Champions”.

INZAGHI - “Lotito ha fatto una scelta ottima decidendo di scegliere proprio Inzaghi alla guida della panchina della Lazio. È un allenatore giovane, ma allo stesso tempo è stato in grado di creare una squadra che ora può competere con le grandi. Affidargli la prima squadra è stata una sfida per la società, ma credo che l’abbia vinta alla grande”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI